mr robot 3

Mr. Robot, in arrivo il terzo capitolo del cyber-thriller e cʼè anche Trump

La salita al potere di Donald Trump è il nuovo e potente aggancio con la realtà dell’attesissimo terzo capitolo di “Mr. Robot”, il cyber-thriller più seguito degli ultimi anni negli Stati Uniti ed in Italia grazie a Mediaset, che da Mercoledì 7 Febbraio trasmetterà la terza stagione su Premium Stories, in prima serata.

Sempre diretto da Sam Esmail (prossimo alla regia del nuovo spin-off di star wars, remore dal successo ottenuto appunto grazie a Mr.Robot) vede tornare tra i protagonisti Rami Malek, Christian Slater e Grace Gummer.

I dieci episodi della terza stagione (che cosi come le precedenti stagioni, ha i titoli che terminano con un’estensione che può corrispondere a library, file di sistema, parti di file rar, ad eccezione dell’episodio 9, che termina in estensione torrent, e del titolo del 10 episodio, che coincide al comando shutdown-r per riavviare il sistema operativo) confermano che “Mr. Robot” è un serial complesso, e ambizioso. Ora Elliott riflette sugli effetti degli attacchi alla megacorporation E Corp: atti che hanno creato il caos e gettato la gente nel panico.

In onda sulla cable USA Network, la terza serie di “Mr. Robot” – dopo aver vinto due Emmy, due Golden Globe e tre Critics’ Choise Television nel 2016 – ha nuovamente ricevuto il plauso della critica: Hollywood Reporter parla di una stagione must-watch again e prosegue affermando che sceneggiatura e plot sono azzeccati, la regia geniale e l’interpretazione di Malek sublime.

Il giovane hacker interpretato da Rami Malek, eroe inevitabilmente fallato (che soffre di sociopatia, depressione, paranoia, allucinazione), insomma, non è mai stato così isolato e manipolato, proprio nel momento in cui assume la consapevolezza di voler tornare sui propri passi. Subito dopo essersi ripreso dalla ferita (dopo essere stato colpito da un colpo di pistola al termine della seconda stagione), lo vediamo aggirarsi freneticamente in una New York cupa: sprofondata in un abisso di oscurità, frutto di un grave blackout, ed è mostrata come una sorta di girone infernale. Uno scenario che, nella mente di Elliot, si ricollega ai fatidici eventi della contemporaneità (ed ecco spezzoni di filmati con Donald Trump e Theresa May) e all’angoscia per un’America che, senza rendersene conto, si sta trasformando in una gigantesca prigione a cielo aperto.

via